Perché il mio stack CloudFormation è bloccato in uno stato IN_PROGRESS?

4 minuti di lettura
0

Il mio stack AWS CloudFormation è bloccato nello stato CREATE_IN_PROGRESS, UPDATE_IN_PROGRESS, UPDATE_ROLLBACK_IN_PROGRESS o DELETE_IN_PROGRESS.

Breve descrizione

Nella maggior parte dei casi, è necessario attendere il timeout dello stack CloudFormation. La durata del timeout varia e dipende dai requisiti individuali di stabilizzazione delle risorse che CloudFormation attende per raggiungere lo stato desiderato.

Puoi verificare il timeout dello stack e utilizzare i trigger di rollback per controllare il periodo di attesa di CloudFormation. Per ulteriori informazioni sui trigger di rollback, consulta Use AWS CloudFormation stack termination protection and rollback triggers to maintain infrastructure availability.

Risoluzione

Identificazione della risorsa bloccata

1.    Apri la console CloudFormation.

2.    Nel riquadro di navigazione, scegli Stack, quindi seleziona lo stack in stato di blocco.

3.    Scegli la scheda Risorse.

4.    Nella sezione Risorse, fai riferimento alla colonna Stato. Trova tutte le risorse bloccate nel processo di creazione, aggiornamento o eliminazione.
Nota: queste risorse potrebbero essere nello stato CREATE_IN_PROGRESS, UPDATE_IN_PROGRESS o DELETE_IN_PROGRESS.

5.    Nella Console di gestione AWS, ispeziona le risorse per individuare il servizio corrispondente.
Nota: la console varia a seconda della risorsa bloccata. Ad esempio, se un servizio Amazon Elastic Container Service (Amazon ECS) è bloccato nello stato di creazione, controlla quella risorsa nella console Amazon ECS.

Controllo dei log di AWS CloudTrail

Se la risorsa non mostra errori nella console corrispondente, utilizza i log di AWS CloudTrail per risolvere il problema. Per informazioni sulla visualizzazione dei log di CloudTrail, consulta Viewing events with CloudTrail Event history.

1.    Apri la console CloudFormation.

2.    Nel riquadro di navigazione, scegli Stack, quindi seleziona lo stack in stato di blocco.

3.    Scegli la scheda Risorse.

4.    Nella sezione Risorse, fai riferimento alla colonna Stato. Trova tutte le risorse bloccate nel processo di creazione, aggiornamento o eliminazione.
Nota: queste risorse potrebbero essere nello stato CREATE_IN_PROGRESS, UPDATE_IN_PROGRESS o DELETE_IN_PROGRESS.

5.    Scegli la scheda Eventi, quindi annota il timestamp di quando CloudFormation ha iniziato a creare la risorsa bloccata.

6.    Apri la console CloudTrail.

7.    Nel riquadro di navigazione, scegli Cronologia eventi.

8.    In Intervallo di tempo, inserisci la data e ora del timestamp che hai annotato al passaggio 5 per l'ora di inizio (Da). Per l'ora di fine (A), inserisci una data e ora cinque minuti dopo l'ora di inizio.
Nota: ad esempio, supponiamo che CloudFormation abbia inizializzato a creare la risorsa bloccata alle 09:00 del 01/01/2020. In questo caso, inserisci le 09:00 del 01/01/2020 come ora di inizio e le 09:05 del 01/01/2020 come ora di fine.

9.    Scegli Applica.

10.    Nell'elenco degli eventi che viene visualizzato, trova le chiamate API correlate alla chiamata API di creazione o aggiornamento della risorsa. Ad esempio, puoi trovare gli aggiornamenti del volume Amazon Elastic Block Store (Amazon EBS) in ModifyVolume.
Suggerimento: prima che le chiamate API vengano visualizzate nei log di CloudTrail, può essere necessario attendere alcuni minuti. Le chiamate API non vengono sempre visualizzate immediatamente nei log.

Aggiramento del timeout

Esistono diversi motivi per cui uno stack può bloccarsi. Pertanto, la soluzione varia a seconda della risorsa bloccata. In alcuni casi, è possibile aggirare il timeout per risolvere rapidamente lo stato dello stack. Ad esempio, potresti essere in grado di aggirare il timeout per le risorse personalizzate e i servizi Amazon ECS. Per ulteriori informazioni, consulta le seguenti risorse:

Se lo stack è bloccato nello stato CREATE_IN_PROGRESS o UPDATE_IN_PROGRESS, puoi interrompere l'avanzamento utilizzando le operazioni dello stack:

Nota: per comprendere la causa principale del problema ed evitarlo nelle implementazioni future, consulta Troubleshooting CloudFormation.


AWS UFFICIALE
AWS UFFICIALEAggiornata un anno fa